MENU
Il cyberbullismo

Il cyberbullismo

"Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso" (K. Blanchard)
Il cyberbullismo è una forma di disagio relazionale, di prevaricazione e di sopruso perpetrata tramite i nuovi mezzi di comunicazione come l’e-mail, gli sms, i blog, i telefoni cellulari ed il web in generale. Non comporta dunque violenza o altre forme di coercizione fisica.
Le modalità specifiche con cui i ragazzi realizzano atti di cyberbullismo sono molte. Alcuni esempi sono:
- pettegolezzi diffusi attraverso messaggi sui cellulari, mail, social network;
- postando o inoltrando informazioni, immagini o video imbarazzanti (incluse quelle false);
- rubando l’identità e il profilo di altri, o costruendone di falsi, al fine di mettere in imbarazzo o danneggiare la reputazione della vittima;
- insultando o deridendo la vittima attraverso messaggi sul cellulare, mail, social network, blog o altri media;
- facendo minacce fisiche alla vittima attraverso un qualsiasi media.
Ci sono alcune particolari caratteristiche che differenziano il cyberbullismo da quello tradizionale:
- assenza di relazione tra vittima e bullo: per chi subisce le molestie è ancora più difficile difendersi, perché molto spesso le vittime non riescono neppure a individuare chi è il bullo;
- l’anonimato: spesso il bullo si nasconde dietro nomi falsi, pensando di non poter essere scoperto. Non avere un contatto diretto con la vittima abbassa l’inibizione dei bulli: questo è uno degli aspetti che rende il fenomeno tanto diffuso;
- assenza di remore etiche: l’anonimato e il fatto di utilizzare strumenti informatici spesso tolgono qualsiasi genere di freno al bullo. Chi mette in atto le prepotenze giustifica così le proprie azioni, pensando che il cyberbullismo sia solo un gioco virtuale;
- mancanza di limiti spazio-temporali: il cyberbullismo può invadere la privacy della vittima, in ogni momento del giorno o della notte.
Le conseguenze psicologiche e le ripercussioni del fenomeno sono simili a quelle del bullismo tradizionale. Le vittime, ad esempio, molto frequentemente sviluppano un’autostima bassa, depressione, ansia, paure, problemi di rendimento scolastico, problemi relazionali e nei casi più gravi anche pensieri di suicidio.
Anche per il cyberbullismo, così come avviene nei casi di bullismo, bambini e adolescenti difficilmente parlano con gli adulti o con gli amici degli episodi di cui sono vittime.
Come il bullismo nella vita reale, il cyberbullismo può a volte costituire una violazione del Codice Civile, del Codice Penale e, per quanto riguarda l’ordinamento italiano, del Codice della Privacy. Gli episodi più gravi di cyberbullismo possono dunque sfociare in reati: come ad esempio alcune azioni dei bulli che violano la privacy della vittima, ma anche persecuzioni gravi e ripetute che alterano la normale vita quotidiana della vittima.
Articoli e approfondimenti
Quando non possiamo parlare di bullismo
Quando non possiamo parlare di bullismo
Monday, November 12, 2018
Bullismo: caratteristiche e conseguenze
Bullismo: caratteristiche e conseguenze
Monday, November 12, 2018
Il fenomeno del bullismo
Il fenomeno del bullismo
Monday, November 12, 2018
Contatti
Tel.: 348 438 5118

E-mail: robertogava@email.it
Dove sono
Padova - Via Domenico Turazza n° 48/O
Roberto Gava - Psicologo Psicoterapeuta a Padova  |  Tel.: 348 438 5118  |  E-mail: robertogava@email.it